lunedì 4 agosto 2014

Giudicato e giudicante

La condanna e l'assoluzione appartengono al luogo del giudizio. La conoscenza basata sul giudizio, spesso altrui, è in antitesi con la sapienza, che appartiene al luogo dell'esperienza. Tutte le affermazioni precedenti sono espressione di un giudizio e pertanto intrinsecamente contraddittorie. Le aporie, infatti, possono esistere solo nel dominio della logica. Forse.

Massimiliano Cerreto


Metropolis, Fritz Lang, 1927


(Danilo Rea e Fiorella Mannoia - Oh che sarà)

quel che non ha governo
né mai ce l'avrà
quel che non ha vergogna
né mai ce l'avrà
quel che non ha giudizio

(Chico Buarque De Hollande / Versione italiana di Ivano Fossati)